Il bambino iperattivo

Mar 23, 2015


Bambino iperattivoIl bambino iperattivo

Dalla teoria alle pratiche della cura

a cura di Fabio Tognassi, Uberto Zuccardi Merli

L’applicazione della psicoanalisi al sintomo dell’iperattività nasce dal desiderio di confrontarsi con questa forma dilagante del disagio infantile contemporaneo ,che altera profondamente l’ingresso del bambino nel legame sociale. Contro il sintomo, che sovverte l’azione educativa della famiglia e della scuola, si tenta di opporre strategie di cotnrollo del comportamento e del pensiero e una farmacoterapia prolungata nei casi più gravi.
La prospettiva teorica e clinica degli autori di questo libro propone invece una lettura dell’iperattività in cui l’impulso irrefrenabile al movimento del corpo, l’aggressività manifesta, la mancanza del senso del limite e del rispetto dell’autorità, le difficoltà di concentrazione, comprensione e uso del linguaggio scritto e parlato, sono fenomeni con cui si manifesta un eccesso pulsionale che, per ogni bambino, è relativo a qualcosa che riguarda il suo legame con l’Altro.

Senza dimenticare che ogni essere umano nasce e cresce in una cultura i cui valori toccano direttamente l’insieme del campo sociale e le menti delle persone che vi fanno a parte. Iperattività e cultura dell’eccesso sono, in effetti, i tratti essenziali del discorso sociale contemporaneo. Se la mente è un organo sociale, anche la sua cura può passare dal sociale; la sfida è proprio quella di costruire uno spazio e un legame per il bambino in cui l’uso della parola, l’ascolto, la funzione dell’inconscio, la fiducia in chi si occupa di lui, permettano una socializzazione senza imposizioni.

Acquista il libro