Il disagio della bellezza

Mar 23, 2015

Il disagio della bellezza

Il disagio della bellezza

a cura di Giovanni Mierolo e Maria Teresa Rodriguez

La storia umana è stata illuminata dalla luce della bellezza, per lungo tempo ritenuta in grado di condurre verso la Verità e il Bene, al punto che la nostra tradizione ha visto, alle sue origini, una guerra sanguinosa per la conquista di Elena e del suo mistero. Impossibile, dunque, rinunciare alla perfezione del bello, da sempre intrecciato con l’armonia e il benessere.

Come può la bellezza coniugarsi, oggi, con il disagio? Come può convivere con il malessere, con un essere non correlato al bene? Sono stati Kant e Sade, di cui Lacan ha colto i punti di convergenza, a introdurre una radicale trasformazione del gusto, e a consentire di pensare a una felicità implicata con il male, proponendo una diversa correlazione tra il bene e il bello. Ma il binomio disagio-bellezza riguarda in particolar modo l’universo femminile, laddove il corpo magro dell’anoressia testimonia il compito impossibile, per le donne, di indossare la bellezza, di farne un complemento alla mancanza.

Acquista il libro