Gianburrasca

D I   J O N A S 

Chi siamo

Dal settembre 2007 all’interno della sede milanese di Jonas Onlus è nato un nuovo spazio dedicato al mondo dell’infanzia e alle problematiche infantili: il progetto Gianburrasca.
Gianburrasca Onlus si occupa della cura del disagio psichico dei bambini e dell’aiuto alle famiglie, dedicandosi alla ricerca, alla prevenzione e alla cura di iperattività (ADHD) e aggressività, disturbi specifici dell’apprendimento (DSA), disturbi del sonno e dell’alimentazione, disturbi dello spettro autistico e dipendenza dai videogiochi.

Vi lavora un’equipe multidisciplinare ad orientamento psicoanalitico composta da psicologi, psicoterapeuti, neuropsichiatra infantile e logopedista.

Gianburrasca Onlus è autorizzato da ATS Milano Città Metropolitana ad effettuare attività di prima certificazione diagnostica valida ai fini scolastici secondo quanto previsto dalla L. 170/2010 e offre trattamenti psicologici senza tempi di attesa e a tariffe sostenibili personalizzate, calibrate in base alle possibilità economiche di ciascuna famiglia.

L’equipe

I professionisti che ti accompagneranno.

vedi di più

Responsabile Scientifico:
Uberto Zuccardi Merli
Psicoanalista

Coordinatrice:
Viola Ballabio
Psicologa

Équipe:
Andrea Alliata
Psicologo Psicoterapeuta

Viola Ballabio
Psicologa

Antonella Dellanoce
Psicologa

Matilde Franchini
Psicologa

Giada Sonia Marcato
Psicologa Psicoterapeuta

Roberto Pin
Psicologo Psicoterapeuta

Micro-équipe Certificazioni DSA:
Cecilia Elena Preda
Neuropsichiatra Infantile

Manuela Premoli
Psicologa Psicoterapeuta esperta in DSA e valutazioni neuropsicologiche

Roberta Tartaglia
Logopedista

7

Cosa facciamo

  • Percorsi di psicoterapia individuali e personalizzati per bambini e preadolescenti dai 3 ai 13 anni;
  • Colloqui di sostegno alla genitorialità per la coppia genitoriale o il singolo genitore;
  • Spazio di accoglienza, supporto e ascolto a neogenitori e bambini da 0 a 36 mesi, per accompagnarli nei loro primi passi insieme; 
  • Supporto educativo per bambini e preadolescenti a casa e a scuola, che va a integrare il lavoro di terapia svolto presso il Centro;
  • Collaborazioni con le istituzioni scolastiche attraverso occasioni di formazione specifica, supervisione e organizzazione di sportelli di ascolto psicologico rivolti ad alunni, insegnanti e genitori;
  • Certificazione DSA (dislessia, discalculia, disgrafia, disortografia) per fini scolastici e riabilitativi.

 

Prenota un appuntamento

Iniziative Milano

Nessun evento trovato!

opera di Gianluigi e Kevin Pessina – acrilico su tela.

contattaci

Via A. Pestalozza 14
20131 Milano
Tel. 02 56808029

Orari di apertura
Si riceve previo appuntamento telefonico

C H I A M A C I

Potete scriverci a info@gianburrasca.org  oppure compilare il modulo sottostante.

Privacy

Anche tu puoi contribuire

Puoi effettuare una donazione tramite un bonifico bancario sul conto intestato a Gianburrasca Onlus, codice iban IT46 L054 2801 6020 0000 0007 258, presso la Banca Popolare di Bergamo, specificando nella causale del versamento: Donazione a favore di Gianburrasca Onlus

5X1000

Nel tuo modello per la dichiarazione dei redditi (CUD, 730 o UNICO) troverai uno spazio dedicato alla
“SCELTA PER LA DESTINAZIONE DEL CINQUE PER MILLE DELL’IRPEF”.
Scegli l’area dedicata al “Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale”.
Inserisci la tua firma e il numero del Codice Fiscale del Centro Gianburrasca Onlus C. F. 97567200155.

DOMANDE FREQUENTI

IL 5X1000 NON MI COSTA NULLA. È VERO?

È vero. Il 5×1000 è una frazione dell’IRPEF. Non è assolutamente una spesa aggiuntiva. Se si decide di non destinare a nessuno il 5×1000 quella parte di IRPEF sarà comunque versata allo Stato.

DONO GIÀ L’8X1000: POSSO SCEGLIERE DI DONARE ANCHE IL 5X1000?

Sono due azioni distinte e non alternative tra loro. La devoluzione dell’8×1000 è una scelta che ogni contribuente può continuare a fare indipendentemente dalla possibilità di destinare il 5×1000.

COSA DEVO FARE ESATTAMENTE AFFINCHÉ IL MIO CONTRIBUTO VADA EFFETTIVAMENTE A GIANBURRASCA?

Basterà firmare nel riquadro dedicato “Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale”, specificando il codice fiscale del Centro Gianburrasca Onlus (C. F. 97567200155) nello spazio sotto la firma.

NON DEVO PRESENTARE LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI: POSSO COMUNQUE SCEGLIERE A CHI DESTINARE IL MIO 5X1000?

Sì, la scelta di destinare il 5×1000 è svincolata dalla presentazione della dichiarazione dei redditi (UNICO o 730). Tutti coloro che hanno ricevuto il CUD possono ugualmente donare il 5×1000. Per fare ciò ci si dovrà recare presso gli uffici postali o ad un CAF e consegnare gratuitamente la scheda relativa alla destinazione del 5×1000 allegata al modello CUD debitamente compilata e firmata entro lo stesso termine di scadenza previsto per la presentazione della dichiarazione dei redditi Mod. UNICO.
La scheda dovrà essere consegnata in una busta chiusa su cui apporre:

la dicitura “scelta per la destinazione del cinque per mille dell’IRPEF”
l’anno cui la certificazione si riferisce
il proprio codice fiscale
il cognome e il nome

FACILITAZIONI FISCALI PER LE DONAZIONI A GIANBURRASCA ONLUS

Per le persone fisiche: Detrarre dall’imposta lorda il 19% dell’importo donato a favore delle ONLUS fino ad un massimo di 2065,83 euro (art. 13 bis, comma 1 lettera i-bis del D.p.r. 917/86).
Per le imprese: A norma del Decreto Legge 14 marzo 2005, nr. 35, Capo VIII art. 14 sulla competitività (la più dai meno versi) tutte le somme donate a Gianburrasca Onlus in quanto Associazione Onlus sono deducibili dal reddito d’impresa complessivo nel limite del dieci per cento (10%) del reddito complessivo dichiarato, e comunque nella misura massima di 70.000 euro annui.
Per poter usufruire delle agevolazioni fiscali è necessario conservare i documenti di versamento: la ricevuta del MAV, la contabile bancaria, l’estratto conto bancario (per i pagamenti con RID).

ALTRE SEDI

scopri Jonas italia

La libertà porta con sé sempre la responsabilità della scelta, la dimensione dell’angoscia. Gli esseri umani a volte possono preferire, in modo paradossale, le catene la schiavitù alle libertà.

Massimo Recalcati