Le Pubblicazioni di Jonas italia

Nella scrittura, si tratta sempre, per me, di uno spasmo vitale che resiste alla tentazione di morte, di un “più di vita”, di un plusgodere, direbbe Lacan, che contribuisce a farmi esistere e a muovere il mio desiderio. Ma vi sono diverse forme di scrittura. Anche la generazione di un’istituzione è una scrittura. 

(M. Recalcati, Il vuoto centrale)

Io credo infatti che faccia parte del sapere il volersi rendere manifesto 

E. Canetti 

Pubblicazioni Jonas

Dalla sua fondazione Jonas interroga il male di vivere contemporaneo, le sue manifestazioni sintomatiche, il suo inserimento nel discorso sociale. Un’interrogazione che prende vita nella clinica e produce tracce, indicazioni, nuove domande, un’interrogazione che abbiamo scelto di far circolare nelle pubblicazioni.

La scrittura, infatti, è mettere in forma, possibilità di dare un nome alle cose, articolazione e messa in comune del pensiero: le nostre pubblicazioni sono dunque un’apertura non solo sulle nuove forme del disagio ma sul lavoro di Jonas. Un lavoro che non si chiude nella stanza d’analisi ma entra nella città e lascia una porta aperta sulla parola, sul legame, sul desiderio.